[VIDEO] Col de Turini o Targa Florio 2017?

Col de Turini o Targa Florio 2017? Dopo aver disputato la PS1 Piano Battaglia, vi mostriamo un video dell’equipaggio  della Passione Motori ASD, Di Gesù – Cimino su Peugeot 106 N2, che in trasferimento dopo la prova, ha avuto non pochi problemi per raggiungere la prova successiva.

Già nel tratto finale della prova, gli equipaggi avevano trovato neve a terra, che aveva reso difficoltoso portare a termine la prova. Un tempo anomalo per la Sicilia, che a fine aprile ha condizionato i piloti nelle scelte delle gomme, mettendo in crisi chi, come l’equipaggio Di Gesù-Cimino, aveva solo gomme da asciutto, per la precisione, le Pirelli RK5.

Ci teniamo a sottolineare, che sebbene fosse già successo l’incidente in cui hanno perso la vita il pilota Mauro Amendolia ed il commissario Giuseppe Laganà, l’equipaggio ripreso nel video, non era ancora a conoscenza del tragico incidente.

Gdiges

4 pensieri riguardo “[VIDEO] Col de Turini o Targa Florio 2017?

  • 29 aprile 2017 in 15:53
    Permalink

    Purtroppo nn voglio essere ripetitivo , e tengo a puntualizzare senza far polemica ma ma le vetture sicurezza la 000 ,la vettura 00 e la vettura 0 a cosa sono servite visto che il direttore si fida esclusivamente di queste auto X gestire la gara ????? È poi è possibile che quando sono passate queste vetture nessuno abbia visto queste condizioni di strada , e per ultimo la vettura zero e la vettura che parte un minuto prima con a bordo persone licenziate e esperte X poi a fine ps dare l’ok. Al DIRETTORE DI GARA cosa che secondo me nn c’è sta un intesa anzi tutt’altro . Capisco che in una gara così blasonata c’è stata poca attenzione , puntualizzo che sono amareggiato per il comportamento del direttore di gara che blocca la gara dopo aver saputo che era successo un incidente grave , solo per le vetture di gara e poi fa continuare le vetture ” DA PASSEGGIO ” facendo anche la premiazione finale , decisioni poco serie .

    Risposta
    • 29 aprile 2017 in 19:16
      Permalink

      Salve, c’è da capire che condizioni meteo hanno trovato le vetture della sicurezza…

      Risposta
  • 29 aprile 2017 in 16:18
    Permalink

    CON L’ATTUALE REGOLAMENTO CHE VIETA OGNI INTERVENTO SULLE VETTURE FUORI DAL PARCO ASSISTENZA E QUINDI ANCHE LA SOSTITUZIONE DELLE GOMME, FIN QUANDO LE CONDIZIONI METEO SONO UGUALI E STABILI IN TUTTE LE PS, TUTTO OK, MA QUANDO LE CONDIZIONI SONO COME QUELLE DELLO SCORSO VENERDÌ DOVE IN ALCUNE PS C’ERA ANCHE IL NEVISCHIO (IL VIDEO LO DIMOSTRA) MI SEMBRA ASSURDO E PERICOLOSISSIMO, PER NON DIRE ALTRO, NON PERMETTERE ALLE SCUDERIE DI CAMBIARE I PNEUMATICI DELLE VETTURE TRA UN PROVA E L’ALTRA E INVECE MANDARE QUESTE IN GARA QUASI ALL’AVVENTURA.
    UN TEMPO SI CAMBIAVANO LE GOMME PRIMA DELLE PS A SECONDA DELLE CONDIZIONI DELL’ASFALTO E “BUONANOTTE”.

    ALLA TARGA FLORIO PENSO CHE NESSUNO AVESSE GOMME DA NEVE, PERO’ QUELLE DA PIOGGIA SI. E GIA’ SAREBBE STATA UNA SITUAZIONE DI GRAN LUNGA MIGLIORE.

    OCCORRE CONSENTIRE AD OGNI SCUDERIA DI AVERE UN FURGONE DI ASSISTENZA ALMENO PER LA SOSTITUZIONE GOMME E RIFORNIMENTO E INVITO CHI STA NELLE COMMISSIONI PREPOSTE, AD INSISTERE AFFINCHÉ VENGA INSERITO NEL REGOLAMENTO DEL CIR. LA SCORSA ESTATE QUALCUNO L’AVEVA PROPOSTO, MA COM’E’ EVIDENTE NON HA AVUTO ASCOLTO.

    E’ assurdo che in F1, se comincia a piovere, le vetture mettono le gomme da bagnato e proseguono la gara, mentre nei Rally si annullano PS o in caso contrario si mandano i piloti nel cosiddetto “giro di prove” come in una sorta di “roulette russa”.

    Risposta
    • 29 aprile 2017 in 19:15
      Permalink

      Salve, come le ho detto anche su youtube, condivido in parte il suo pensiero.
      Premetto che il video si riferisce al trasferimento dopo la Ps Piano Battaglia e non alla prova, anche se comunque nell’ultimo chilometro di prova speciale c’era già nevischio a terra.
      Secondo me la prova non andava fatta e bisognava procedere con il percorso alternativo.
      Inserire il furgone per assistenza potrebbe essere una soluzione, ma farebbe lievitare i costi.

      Risposta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *